I FOX BROTHERS sono alla Swiss Epic 2021

Da martedì 17 agosto a sabato 21 agosto, il nostro venditore Christian Fuchs e suo fratello Markus disputeranno insieme la loro quarta Swiss Epic. Il percorso si snoda per cinque giorni da St. Moritz alla Valposchiavo, da dove le squadre partecipanti pedaleranno attraverso lo Scalettapass fino a Davos. Con un totale di 327 chilometri e 11.000 metri di altitudine, le squadre composte da due persone dovranno dimostrare non solo la forma fisica necessaria, ma anche una buona dose di concentrazione e abilità tecniche per poter conquistare le Alpi nel 2021. Come sponsor dei FOX Brothers, siamo curiosi di conoscere il risultato e le impressioni dei due partecipanti.

Il concorso può essere seguito tramite il live tracker.

***

Conclusione dopo l’intervallo:
Le competenze sono già state messe alla prova alcune volte. Vento forte, salite ripide, molti metri di altitudine e lunghe discese fanno parte del programma quotidiano. Poi c’è stata una ruota posteriore piatta giovedì. Tuttavia, il problema è stato rapidamente risolto e così i FOX Brothers sono ancora al 7° posto nel Masters dopo il 3° giorno.

Precisione fino all’ultimo millimetro

La più grande capriata mai realizzata in faggio svizzero è stata installata nella Holzkraftwerk di Basilea 1. I pezzi singoli della Fagus Suisse SA, lunghi oltre 36 metri, non servono solo come elementi portanti, ma anche come facciata di un’estensione. Qui, il legno è sottoposto a tensione e compressione, la disciplina principale del legno di faggio forte.

Il traliccio utilizzato a Basilea è un prodotto su misura che non è secondo a nessuno. Prodotte nel moderno stabilimento della Fagus Suisse SA a Les Breuleux nel Giura, le capriate di molti metri in carpino hanno lasciato la fabbrica per essere assemblate in una capriata nella neue Holzbau AG di Lungern nel cantone di Obvaldo, che ha una grande esperienza nella lavorazione del legno duro.

Rapporto Holzrevue 7/8-2021 (tedesco)

Oro olimpico in un design dorato

Nelle ultime due settimane, Belinda Bencic ha volato intorno al mondo – ma il punto di partenza e la destinazione del viaggio erano identici: il Bürgenstock Resort sul Bürgenberg. Lì, Bencic si è preparata poco prima dei giochi olimpici e ha fatto il pieno di energia. Come ha detto nell’intervista, la tennista stava dando gli ultimi ritocchi alla sua preparazione per le gare di Tokio proprio in questo luogo. Chissà come l’ha aiutata la soffitto a rombi con la nostra tecnologia GSA?

Puoi leggere l’intera intervista nella Luzerner Zeitung qui (tedesco).
www.belinda-bencic.com / www.burgenstockresort.com

Costruzione con legno duro

Il legno duro – sembra – è in voga

Il numero 139/2021 di Holzbulletin di Lignum mostra l’uso del legno duro nelle strutture portanti. La pubblicazione fornisce conoscenze specialistiche sull’uso del legno duro nella costruzione di edifici e mostra esempi architettonici di successo in dettaglio.

> vedi Holzbulletin

Progetto di promozione dell’innovazione: sistema composito legno-calcestruzzo

Insieme all’Istituto di Ingegneria Civile (IBI) dell’Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna, abbiamo lanciato un progetto di promozione dell’innovazione per soddisfare le nuove esigenze nella costruzione in legno. Un componente della nostra ormai vasta collezione di soluzioni GSA è il sistema composito legno-calcestruzzo. Il nostro progetto svilupperà ulteriormente questo sistema e lo trasformerà in un componente prefabbricato. Così, il calcestruzzo non sarà più versato in loco, ma in fabbrica. L’obiettivo è quello di poter installare i soffitti come parti prefabbricate in cantiere allo stesso livello tecnico con un prezzo commerciabile.
> Articolo SVC per ulteriori letture (tedesco)

Le travi di faggio più pesanti della Svizzera sono assemblate

Il montaggio delle travi a traliccio in legno di faggio, che formano l’estensione del nuovo edificio per uffici della Holzkraftwerk Basel AG, è stato completato. In un trasporto speciale notturno da Lungern a Basilea, le travi a traliccio lunghe 37 m e alte 4,4 m in faggio svizzero al 100% sono state erette. Le travi di faggio affascinano per l’implementazione moderna nell’incollaggio per mezzo della tecnologia GSA e rappresentano una costruzione innovativa in legno.
Cliente e appaltatore: Stamm Bau AG, Arlesheim

Accoya – il legno del futuro

La durabilità naturale è la resistenza intrinseca del legno all’attacco degli organismi che lo distruggono (funghi, insetti tra cui le termiti, parassiti del legno in acqua di mare). La durata naturale del legno è un criterio importante per determinare se una specie di legno o un prodotto può essere usato per una particolare applicazione senza ulteriori misure di protezione.
Accoya è di classe 1;

  • Legno di classe 1: molto resistente,
  • Legno di classe 2: resistente,
  • Legno di classe 3: moderatamente resistente,
  • Legno di classe 4: poco resistente,
  • Legno di classe 5: non resistente.

Questo apre nuove fantastiche possibilità per le costruzioni in legno. Giunti nascosti risolti con la tecnologia GSA. www.gsa-technologie.ch (tedesco)
Offriamo anche Accoya grigio tinto attraverso -> più info (tedesco)

Forum mobile per la Biennale di Architettura di Venezia

Il team ginevrino di professionisti dell’architettura e dell’arte ha chiesto il sostegno di BFH per la realizzazione di un’architettura temporanea e mobile. Parte del loro progetto era una mostra itinerante che avrebbe viaggiato a Venezia e poi sarebbe andata in tour lungo il confine svizzero. Cercavano un veicolo leggero che potesse essere facilmente trasformato in un forum e che tenesse conto dei metodi di produzione sostenibili.

Il telaio era un rimorchio usato, molti dei cui componenti potevano essere riutilizzati. Per la sovrastruttura, solo i pali verticali del baldacchino sono stati rimossi e sostituiti con una costruzione in legno svizzero. Le connessioni sono state realizzate con la ben nota tecnologia GSA (www.gsa-technologie.ch), per cui la costruzione se la cava senza puntoni grazie agli angoli del telaio resistenti alla flessione. L’intero concetto è un gioco di elementi rigidi e flessibili. Il legno di abete e di frassino assorbe le forze di compressione, la membrana e le corde le forze di trazione.

© Swiss Pavilion’s team of the Venice Architecture Biennale | © BFH

Il Consiglio degli Stati vuole più legno per le infrastrutture

Il Consiglio degli Stati vuole che per gli edifici infrastrutturali vengano utilizzati più materiali a basso consumo di CO2 invece del cemento armato. Ha adottato una mozione di Jakob Stark (SVP/TG) con 35 voti a 0, che si concentra sul legno come materiale.

Il calcestruzzo è un materiale da costruzione affascinante. Continuerà ad essere di grande importanza in futuro. Il suo svantaggio è la sua ampia impronta di CO2, motivo per cui può essere integrato o forse anche sostituito da materiali in legno in aree adatte. Il signor Stark, presidente di Lignum Holzwirtschaft, può immaginare che, per esempio, la costruzione ibrida legno-calcestruzzo potrebbe acquisire un’importanza significativa in futuro, combinando in modo ottimale le proprietà dei due materiali da costruzione.

più informazioni (tedesco)

Installazione dell’attraversamento della fauna selvatica di Neuenkirch

Ci sono circa 300 corridoi per la fauna selvatica in Svizzera, ma una gran parte di questi sono interrotti da vie di traffico assicurate e impediscono le migrazioni abituali degli animali. Dal 2003, l’Ufficio federale delle strade (ASTRA) collabora con l’Ufficio federale dell’ambiente (BAFU) e i cantoni per ripristinare questi corridoi per la fauna selvatica. Quando l’A2 è stata costruita negli anni ’70, il corridoio della fauna selvatica vicino a Neuenkirch è stato anche tagliato e ora avrà un nuovo attraversamento.

Da metà marzo, l’azienda HUSNER AG Holzbau, CH-Frick ha montato la costruzione completa in legno (1450 m3). Timbatec Holzbauingenieure Schweiz AG era responsabile dell’ingegneria della struttura in legno. Il nostro team era responsabile della costruzione delle 90 travi in legno lamellare, che attraverseranno la A2 con 3 corsie in entrambe le direzioni. Una singola trave è lunga 17,5 metri, larga 72 centimetri e alta 1,24 metri. Consiste di tre travi individuali, larghe 24 centimetri e alte 10, che sono incollate insieme in larghezza (incollaggio a blocchi).

La nostra consegna come subappaltatore comprendeva: legno lamellare di abete rosso, parzialmente impregnato a pressione, incollato con RF:
Lamelle vuote 1’950 m3 -> (ricrescita nella nostra foresta svizzera in circa 100 minuti).
Travi BSH in legno di abete 1’430 m3
Supporti in legno di quercia 20 m3
Nella foresta svizzera crescono di nuovo circa 10’400’000 m3 di LEGNO all’anno, cioè al minuto = circa 20 m3

In accordo con la natura, il ponte è riempito di terra. Un biotopo naturale con acqua piovana, mucchi di rami e pietre creano preziosi habitat per i piccoli animali sul ponte. Molte grazie per il grande ordine!

Copyright Photo: ASTRA